4 Stars Tour

Da Livigno a Santa Caterina Valfurva 4 magnifiche giornate in mountain bike, perfettamente organizzate, attraversando le più belle valli del Parco Nazionale dello Stelvio.

  • Giorni: 4
  • Lunghezza: 170,00 km
  • Difficoltà: 3 su 5
  • Dislivello Salita: 6500 m
  • Dislivello Discesa: 10000 m
  • Partenza: Livigno
Prezzo del tour: 590,00 € a persona
RICHIEDI DISPONIBILITA'

Il tour comprende:

  • 04 giorni di mezza pensione in hotel, come da programma
  • 04 giorni di accompagnamento; incontro con la guida bike direttamente in hotel la sera precedente l'inizio del tour
  • trasporto bagagli
  • salite meccanizzate e bike shuttle (ove previsto)

Leggi anche le condizioni del servizio.

Programma giornaliero

Livigno - Arnoga

Lunghezza: 33,10 km - Dislivello Salita: 1593 m - Difficoltà:  

La partenza è da Livigno, dove percorrendo la pista ciclabile verso il lago, si raggiunge l'imbocco della Valle Alpisella. La salita è tutta pedalabile, anche se diventa sempre più impegnativa man mano che ci si avvicina al Passo Alpisella. Il panorama dopo il passo è molto caratteristico e le montagne che fanno da cornice, rendono il luogo molto affascinante. La discesa verso i laghi di Cancano è molto fluida e per niente impegnativa, prevede anche una divertente alternativa su single trail, verso le sorgenti dell'Adda. Raggiunti i laghi, si prosegue per un tratto in pianura, prima di affrontare l'impegnativa salita in Valle Pettini, verso la Malga Trela, dove potersi concedere una meritata pausa. Sia affronta poi l'ultima salita, verso le Bocchette di Trela, che apre uno splendido panorama verso il ghiacciaio Cima Piazzi, che sovrasta il resto del percorso. La discesa che porta verso la strada sterrata Decauville è abbastanza tecnica e necessita una certa prudenza. Manca ora, solo un breve tratto di pianura, immerso nel bosco, per raggiungere Arnoga.

Arnoga - Santa Caterina

Lunghezza: 50,60 km - Dislivello Salita: 3489 m - Difficoltà:  

La partenza è da Arnoga e dopo aver percorso tutta la strada sterrata Decauville si raggiungono prima le Torri di Fraele, che sovrastano la Valdidentro, e poi Cancano, con le maestose dighe che creano dei grandi laghi artificiali. Attraverso la Valle del Braulio, si affronta la discesa semplice e divertente tutta immersa nel bosco di Boscopiano per raggiungere Bormio. Raggiunta la strada asfaltata che porta dal Passo dello Stelvio a Bormio si possono affrontare due percorsi alternativi: percorrere la Pedemontana della Reit o passare dagli stabilimenti termali dei Bagni di Bormio. Raggiunto Bormio e percorsi i viottoli del borgo medioevale si raggiunge la zona Funivia, dove si può fare una pausa. Si prosegue il percorso salendo da Bormio a Bormio 3000 prima con la cabinovia e poi con la funivia. La discesa comincia subito su un sentiero molto tecnico, su sassi e lastre di roccia fino ai "Bei Laghetti" delle Bocche di Profa. La discesa continua su single trails semplici e fluidi, che portano alle baite dei Monti di Sobretta. Tramite una comoda strada sterrata si raggiunge con semplicità Santa Caterina Valfurva.

Santa Caterina - Bormio

Lunghezza: 33,20 km - Dislivello Salita: 1888 m - Difficoltà:  

La partenza è da Santa Caterina Valfurva, da cui si parte in direzione del Rifugio dei Forni con l'ausilio di una navetta. Giunti a quel punto si comincia a pedalare ed il sentiero che separa dal Rifugio Pizzini è inizialmente impegnativo, ma il panorama sui ghiacciai che si hanno alle spalle è splendido . Dal Rifugio Pizzini, spingendo a tratti la bici per un breve percorso, si arriva al Passo Zebrù a quota 3000 m! Tutta la fatica fatta per raggiungere la cima è ripagata dallo splendido panorama che si può godere. La prima parte della discesa è molto tecnica e impegnativa, con un tratto estremo da percorrere aggrappandosi a funi fisse e un fiume da guadare (attenzione alla quantità di acqua). Il secondo tratto della discesa si svolge lungo un fluido single trail che porta fino alla "Baita del Pastore". Il percorso continua su una strada sterrata che percorre tutta la Val Zebrù, in una natura incontaminata, ricca di fauna e flora, immersi nel Parco Nazionale dello Stelvio. Per raggiungere Bormio si possono percorrere alcuni single trails semplici, ma molto affascinanti.

Bormio - Livigno

Lunghezza: 54,00 km - Dislivello Salita: 3372 m - Difficoltà:  

Il tracciato prevede la partenza da Bormio, da cui si parte con una navetta per il Passo Umbrail (a quota 2488 m). Una possibile variante è quella di raggiungere il Passo dello Stelvio con la navetta e ridiscendere poi al Passo Umbrail dal Rifugio Garibaldi, su un single trail molto sconnesso e molto sassoso, in territorio svizzero. Si continua il percorso, verso le Bocchette di Forcola, su un single trail semplice, ma un poco esposto, dove si trovano diversi resti della prima guerra mondiale. Dopo un primo tratto in discesa, si risale verso le Bocchette di Pedenolo. A questo punto ci si trova ad affrontare un primo tratto di discesa su un sentiero fluido e semplice. Un secondo tratto presenta una struttura a tornanti piuttosto stretti ed impegnativi, ma il panorama sui laghi di Cancano è stupefacente. Il sentiero si collega ad una strada sterrata che conduce fino alla chiesetta di Cancano. A questo punto si costeggia il lago di Cancano, si passa sopra la diga di S. Giacomo e si imbocca la Valle Pettini. Salita dura che porta alla malga Trela. Continuando su un sentiero pedalabile e non troppo ripido, si giunge presto al Passo Trela. A questo punto i tratti faticosi sono finiti e quello che si ha di fronte è una bella discesa su single trail che conduce fino alla Val Torta e in breve tempo al lago di Livigno. Per raggiungere il centro si utilizza la bella pista ciclabile.